Passeggiando nel centro di Genova ci si può facilmente imbattere in questo magnifico chiostro.
A prima vista sembra un po’ fuori posto, ma conoscendone la storia si può imparare tanto su Genova, sulla storia cittadina e sulle problematiche della città e ovviamente non si può non apprezzarne la bellezza.
Il chiostro di Sant’Andrea si trova tra Porta Soprana e la casa di Cristoforo Colombo a due passi da Piazza Dante.
 Quello che molti genovesi non sanno è come mai si trova lì, la sua storia è del tutto singolare infatti fino al 1904 in quell’area sorgeva il convento di Sant’ Andrea. La sorte di questo convento dopo essere stato di proprietà di due diversi ordini di monache, chiuso in epoca napoleonica e divenuto carcere è stata quella di dover soccombere alle esigenze di spazio e di espansione della città.
L’odierna Piazza Dante prima era una collina, Colle di Sant’Andrea, che è stata letteralmente tagliata per ricavare uno spiazzo pianeggiante e continuare così a costruire e ad ultimare Piazza De Ferrari e via XX settembre.
 Il chiostro del convento però è stato ritenuto di una tale bellezza da meritare di essere salvato  e collocato dopo un restauro nel 1922 all’incirca dove sorgeva il convento a sua memoria.
Incontrandolo sembra un po’ fuori posto, ma conoscendone la storia si può imparare tanto su Genova, sulla storia cittadina e sulle problematiche della città e ovviamente non si può non apprezzare la sua bellezza.

 

Sant'Andrea's cloister

Walking through the centre of Genova, you can easily bump into this cloister. At a first sight it may seem to be out of place but, knowing the history, you can grasp a lot about Genova, its past, its problems and you can also learn to appreciate its beauty.

Sant' Andrea's Cloister is settled between Porta Soprana and the House of Cristoforo Colombo, just a stone's throw away from Piazza Dante.

What the Genoese ignore is the reason why it is there; its history is quite characteristic, in fact, until 1904 in that area used to rise up the Sant' Andrea Monastery.

After the administration of two orders of nuns  it was knocked down due to the need of more space,  necessary for the expansion of the emerging city.

The today's Piazza Dante was before a hill,  'Colle Sant' Andrea' , which was literally 'cut' in order to gain a flat space and to finish the construction of Piazza De Ferrari and Via XX Settembre.

The beauty of that monastery and its cloister has been recognised and for this reason during 1922 it was protected and restored.

In memory of the monastery, the cloister was later settled in the place where the monastery use to be situate.